ROMANO PER 38 MINUTI, POI PASSA CALOLZIO



Evolut Romano Basket - Carpe Diem Caloziocorte     63 - 70 
Parziali 19-17, 36-36, 53-52         
Evolut Romano Basket :  Deleidi 4, Ferri 1, Benassi 13, Carrara 6, Carrera 18, Ricci 5, Mazzanti, Turelli 2,  Albani 4, Raimondi ne, Gualandris 10. All. Paris      
Carpe Diem Caloziocorte : Corbetta 12, Meroni L. 10, Paduano 12, Pirovano, Ciancio 2, Paonessa 1, Cesana 14, Giovanzana ne, Gnecchi ne, Persico 8, Rusconi 9. All. Redaelli  


Scontro che per la classifica valeva più dei 2 canonici punti in palio, i cinghiali mannari incontrano Calolzio che all'andata avevano dominato, salvo poi farsi riprendere nei minuti finali e vincendo di un solo punto, ma al ritorno gli ospiti sono al completo e reduci dalla bella vittoria contro Bernareggio,  Romano invece paga le pesanti assenze e gli infortuni, deve fare di necessità virtù ritrovandosi a mettere in campo quel che rimane a disposizione.
In campo Deleidi, Ferri, Benassi, Carrera e Carrara contrapposti a Paduano, Meroni L, Pirovano, Corbetta e Meroni M. Subito il guizzo dei Padroni di casa che si portano in vantaggio  10 a 4 a metà del primo quarto con belle giocate di Carrara e Carrera ai quali si aggiungono Benassi e Deleidi,, salvo poi farsi quasi raggiungere da Paduano, che mette due triple di fila, e Meroni  che fissano il primo parziale 19 a 17 per i locali.
Il secondo quarto vede una sostanziale parità con le 2 squadre che si scambiano la posizione, Romano fa girare la panca  che da qualche frutto con Gualandris , Ricci , Albani e un buon Turelli che si fa sentire a rimbalzo, poi col solito Carrera che finalizza le sue conclusioni, per gli avversari sono invece Cesana e Rusconi che tengono Calolzio attaccato, si va alla pausa lunga col risultato di 34 a 36.
Dopo i 10 minuti di pausa si ritorna in campo e Romano trova punti in qualche conclusione di Benassi mentre i soliti Paduano, Cesana e Corbetta rientrano ancora per Calolzio, di misura lo svantaggio per i locali che vedono sul tabellone alla fine del terzo quarto  il punteggio di 51 a 52.
Inizia l'ultimo periodo e nonostante la stanchezza e le rotazioni "inventate" da Paris, Romano riesce a scavare un piccolo solco nei primi 5 minuti segnando 10 punti contro i quattro degli avversari, portandosi a 5 dalla fine sul punteggio di 61 a 56 che faceva sperare nel miracolo dei cinghiali mannari, ma un po' di nervosismo causato da alcune dubbie decisioni arbitrali, portava a un tecnico a Carrera che Cesana però sbagliava. Perdita di concentrazione però da parte dei locali che cominciavano a non trovare più il canestro, 2 soli punti realizzati in 5 minuti, mentre i lecchesi, forse più freschi e più lucidi, andavano facilmente a canestro. E' soprattutto l ex Persico che mette i 4 punti del sorpasso, con poi Corbetta che approfitta di uno svarione difensivo che mette la tripla che demolisce Romano e tutte le sue speranze. Prendere un parziale di 14 a 2 in 5 minuti è sicuro segno di stanchezza mentale oltre che fisica, Romano paga a caro prezzo la mancanza di Mazzanti e Raimondi oltre alle non perfette condizioni fisiche di alcuni giocatori del quintetto.
Ora la classifica comincia a farsi pesante, proprio perché molto corta e con risultati mai certi.
Sabato trasferta ad Agrate che all'andata vinsero di un punto dopo una incredibile rimonta di Romano. Speriamo che la cabala della vittoria di un punto stavolta porti bene ai cinghiali mannari-

FORZA CINGHIALI MANNARI

Ufficio Stampa Romano Basket