ROMANO NON TROVA IL CANESTRO, PIADENA SI



Evolut Romano Basket - Corona Platina Piadena     62 - 78     Parziali 11-26, 28-46, 51-63
Evolut Romano Basket : Deleidi 4, Ferri 8, Benassi 11, Carrara 12, Carrera 12, Lecchi ne, Ricci 5, Turelli 0, Raimondi ne, Gualandris 8, Albani 2. All. Paris   
Corona Platina Piadena : Ariazzi 15, Antonietti 13, Raskovic 12, Mascadri 20, Marenzi 12, Belluco 0, Fontana 0, Rakic 3, Assoni 3, Gagliardi 0. All. Mazzali    
    

Che non fosse giornata per Romano lo si è capito in pochi minuti dall'inizio del match. Paris mette in campo l'ormai  quintetto "riadattato" dalla mancanza di Mazzanti e Raimondi, e cioè Deleidi ( con la maschera sul viso dopo lo scontro con un gomito sabato scorso ad Agrate), Ferri, Benassi, Carrera e Carrara ai quali coach Mazzanti contrappone Ariazzi, Antonietti, Raskovic, Marenzi e Mascadri, non avendo, anche lui, potuto schierare Darby e Delibasic  per problemi legati al tesseramento degli extra UE.
Sono subito gli ospiti che prendono ritmo, con i cinghiali assopiti in difesa, per cui i cremonesi  capitalizzano tutti gli attacchi con un Ariazzi cecchino da oltre l'arco ed un Mascadri super che tira col 75 % da 3. Solo Carrara e Benassi sembrano reagire con alcuni canestri fatti entro il 4 minuto, da li in poi buio totale  e Piadena che, con le percentuali stratosferiche già dette, prende 15 punti di vantaggio e si può dire che praticamente chiude qui la partita. 11 a 26
Nel secondo quarto si vede una timida ripresa dei padroni di casa, ma troppo debole per portare a qualunque risultato, si viaggia quasi sul filo della parità in termini di punti ma non in termini di gioco, i cinghiali molto sulla quantità di tiri presi un po' troppo allegramente, mentre gli ospiti vanno sulla qualità delle conclusioni e quasi sempre muovono il tabellone.  I cremonesi vincono anche il secondo quarto ma stavolta di solo di 3 punti, 17 a 20, chiudendo il 1 tempo col risultato di 28 a 46
Paris deve aver strigliato un pò i suoi nella pausa e i cinghiali si presentano in campo un po' più "motivati". Recuperano qualche pallone e riescono a mettere sotto Marenzi e compagni che abbassano un po' la media al tiro mentre Romano invece capitalizza di più. Vince il quarto 23 a 17, recupera sei punti di svantaggio e chiude sotto di 12 al trentesimo. 51 a 63
l'inizio dell'ultimo quarto sembra porti vento fresco ai padroni di casa che in due giocate riescono a scendere sotto la doppia cifra di svantaggio con ancora quasi 8 minuti da giocare, quindi ancora recuperabile la sfida, ma ci pensa Mascadri con 2 tiri da 9 metri, una dietro l'altra, a riportare a 15 punti il divario e mettere la parola fine ad una partita che Romano non ha mai avuto la forza di tentare di ribaltare. Di sicuro non prendere la sbandata il primo quarto avrebbe portato un gioco diverso, Romano ha sempre rincorso in affanno, mentre Piadena forte del distacco ha sempre ragionato di più e da subito si è trovata la strada in discesa.
Le complicazioni per i cinghiali mannari arrivano anche dalla classifica dove, con le sorprendenti vittorie di Gardone e Pizzighettone, si ritrova al 9 posto quindi nella parte "brutta" destinata ai play out.
Sabato trasferta contro la prima della classe, Bernareggio, che anche se ormai sicura del primo posto ci attenderà sicuramente senza fare sconti.

FORZA CINGHIALI MANNARI

Ufficio Stampa Romano Basket